AUGURI
NASCITE - BATTESIMI

Veronica De Luca ha voglia di conoscere gli amici ed i parenti di LACONI.

Veronica, figlia di Vincenzo De Luca e Catia Fulghesu, è nata il 2 maggio 2001 e abita a San Giorgio di Piano (BOLOGNA).

Il battesimo, con i padrini Davide Incani e Lisa Fulghesu, è avvenuto il 16 settembre 2001 nella chiesa di Stiatico, frazione di San Giorgio di Piano (BOLOGNA.

 

CONGRESSO PROVINCIALE DELLA UIL

30 settembre 01. Si è tenuto a Laconi presso il Centro culturale il settimo congresso provinciale della UIL pensionati di Nuoro. Il tema proposto è stato: "Anziani, la cultura del passato per un futuro più equo delle nuove generazioni ". Il congresso si è aperto con il saluto del sindaco di Laconi a tutti i presenti, ringraziando la Uil sarda per aver scelto Laconi come sede del congresso. Hanno partecipato inoltre il segretario nazionale della UIL Silvano Miniatti, il segretario regionale Gino Mereu, Francesca Ticca e Gigi Piras. La giornata si è conclusa con un pranzo presso il ristorante Sardegna.

 

Cantandu in is Ocraxus

3° Rassegna Regionale del Canto Polifonico in Lingua Sarda

Laconi - Domenica 23 Settembre 2001

Programma completo

 

SANT’IGNAZIO

3 settembre ’01. Anche quest’anno, in occasione dei festeggiamenti di Sant’ignazio sono venuti molti pellegrini da tutta l’Isola per venerare le umili spoglie del frate cappuccino racchiuse in un urna di vetro. L’urna è stata accolta da tutta la popolazione il giorno 22 agosto in un mare di festa, fiori e applausi. Molto commovente è stato il giorno 25 quando oltre mille pellegrini partiti dai loro rispettivi paesi la notte di venerdì sono arrivati a piedi dopo molte ore di cammino e sono entrati a Laconi cantando e pregando. Dall’inizio dell’anno si calcola che i devoti del Santo siano arrivati alla considerevole cifra di centomila presenze. Laconi sta diventando un tempio della fede, dove la gente chiede un’intercessione o una grazia al Santo più venerato dell’Isola. Il giorno 31 si è svolta la processione seguita da una fiumana di gente proveniente da tutta l’Isola. Ieri, 2 settembre, l’urna del Santo è stata accompagnata a Gadoni per proseguire il pellegrinaggio iniziato a Cagliari i primi giorni d’agosto che continuerà fino all’undici novembre.

CERIMONIA PER GLI AVIATORI CADUTI

30 agosto 01. Si è tenuta come ogni anno la cerimonia commemorativa per i quattro aviatori caduti con il loro aereo mentre operavano per lo spegnimento di un grosso incendio che si era sviluppato nelle campagne di "Su Lau", una piccola frazione del comune di Laconi. Era il lontano 1985. A Laconi erano in pieno svolgimento i festeggiamenti in onore di Sant’Ignazio quando arrivò la tragica notizia. Ogni anno l’Amministrazione comunale organizza la cerimonia di commemorazione per ricordare e non dimenticare l’azione eroica dei quattro aviatori, venuti da Pisa in terra sarda per combattere la piaga che ogni anno afflige la nostra Isola. La cerimonia ha avuto inizio con la celebrazione della Santa Messa in località "Is Forros", dove è stato eretto un monumento in loro onore. Poi a Laconi, nella piazza a loro dedicata, si è deposta una corona. Alla cerimonia erano presenti le vedove di due aviatori, che hanno rappresentato i familiari dei caduti, il rappresentante regionale Francesco Saba, il vice prefetto di Nuoro e vari sindaci della zona. Gli amministratori dei comuni del Sarcidano hanno proposto, che il 29 agosto coincida con una giornata regionale di commemorazione dei caduti nelle campagne antincendio.

 

TRIONFALE ARRIVO DI SANT’IGNAZIO A CASA SUA

23 agosto ’01. Oltre tremila devoti con fiaccole accese hanno ricevuto le spoglie di Sant’Ignazio al suo arrivo a Laconi, il suo paese natale. Lacrime, applausi, preghiere, mazzi di fiori e molti momenti di forte e intensa spiritualità hanno accompagnato i primi momenti del Santo nel suo paese, dove resterà per 10 giorni. Come previsto dal programma, l’urna del Santo ha fatto il suo ingresso a Muru alle 20.30, ed è stata accolta in piazza XXV Aprile. La tappa successiva è stata, seguendo una stradina in acciottolato, la casa natale del Santo, una umile abitazione che custodisce, da quando era tredicenne, Paola Manca, laconese, 73 anni, che ha detto: "La mia è una fede incrollabile, ho avuto tante gravi malattie ma Sant’Ignazio mi ha sempre protetto". Dalla sua casa Sant'Ignazio è stato accompagnato dai fedeli nella piazza Marconi per ricevere il saluto delle autorità. Il sindaco Paolo Pisu ha salutato l’arrivo con emozione: "Bene torrau Santu Frennaziu" ! Poi ha voluto invitare i frati cappuccini a consentire "di avere con noi Sant’Ignazio almeno una volta all’anno". Toccante anche l’appello rivolto dal parroco di Laconi, padre Giovanni Zedda: "Oggi è un grande giorno per tutti noi, ma non riempite la bisaccia di fra Ignazio con le vostre preghiere e suppliche: il Santo deve compiere un lungo viaggio e accogliere le preghiere di molti pellegrini sardi". Infatti, l’urna di Sant’Ignazio, in occasione del 3º Centenario della sua nascita (Laconi, 17 dicembre 1701) e 50° anno della Santificazione (Roma 21, ottobre 1951), visiterà oltre 120 paesi di tutta l’Isola. Finito il programma ufficiale, l’urna è stata portata, fra le fiaccole, nella chiesa parrocchiale, dove è stata sistemata sull’altare. Anche li un via vai di gente in lacrime davanti alla reliquia del Santo; tanti devoti che hanno manifestato una profonda religiosità senza veli.

 

GARA CICLISTICA

20 agosto ’01. L’associazione Cyclo-Team di Laconi ha organizzato una Gara ciclistica a cui hanno partecipato moltissimi amanti della bicicletta. La gara è partita dalla piazza Marconi dirigendosi per Ortuabis attraverso la bellissima zona di Funtanamela,  è proseguita per Santa Sofia, facendo il giro alla zona industriale di Isili, hanno attraversato Nurallao, facendo rientro a Laconi e tagliando il traguardo sempre in piazza Marconi. Il primo arrivato è stato Bugna Bruno della società ciclistica Pistidda di Cagliari. Numerosi premi per i partecipanti e un gran divertimento, sia per i partecipanti, che per il numeroso pubblico presente.

 

 

INAUGURAZIONE DEL SAGRATO DELLA CHIESA

20 agosto ’01. Domenica pomeriggio si è tenuta l’inaugurazione del Sagrato e facciata della Chiesa parrocchiale. La manifestazione ha avuto inizio con la celebrazione della Santa Messa, a cui ha partecipato il sindaco Paolo Pisu con gli amministratori, il progettista dei lavori, l’architetto Franco Galdieri e gli operai che hanno eseguito i lavori. Ha celebrato la messa il Padre Giovanni Zedda. In serata, per l’occasione è stato organizzato un concerto per flauto ed organo con i musicisti Daniele Pasini ed Enrico Pasini, che hanno eseguito brani di Blavet, Locatelli, Loeillet e Telemann.

 

 

EVELINO LOI PRESENTA IL SUO LIBRO

18 agosto ’01. L’ex bersagliere Evelino Loi, originario di Barisardo, ha avuto un incontro con il sindaco di Laconi Paolo Pisu ed alcuni amministratori per presentare il suo libro autobiografico intitolato "La vera storia di Evelino Loi - Stasera mi butto…" che sta ottenendo un grosso successo. Inoltre, ha fatto vedere un video sui festeggiamenti in onore di Sant’Ignazio che per sei anni consecutivi si svolgono nella città di Alessandria. Ad organizzare la festa sono gli emigrati sardi residenti nella città piemontese organizzati nel circolo "Su Nuraghe". L’Amministrazione comunale e la Parrocchia di Laconi hanno deciso, facendo parte del programma del 3º Centenario della Nascita di Sant’Ignazio da Laconi, di dedicare la giornata di venerdì 24 agosto a gli emigrati sardi e per l’occasione verrà presentata al pubblico parte del video relativo alla festa del santo tenutasi ad Alessandria nel luglio scorso. Il video è stato proposto anche al presidente dell’associazione nazionale detenuti non violenti per trasmetterlo agli stessi detenuti. Evelino Loi ha annunciato che parte del ricavato della vendita del libro sarà devoluto a una casa di accoglienza per ex detenuti, emigrati e senza casa che è stata voluta da don Giovanni Usai, ad Arborea.

 

PELLEGRINAGGIO DELL’URNA DI SANT’IGNAZIO

16 agosto ’01. Grande partecipazione della popolazione di Laconi per la partenza dell’urna di Sant’Ignazio, che dalla chiesa di Buoncammino a Cagliari parte per un lungo pellegrinaggio per molte parrocchie dell’Isola. Farà rientro a Cagliari il 10 novembre. Un pellegrinaggio voluto dai Frati Cappuccini in occasione del 300° anniversario della nascita del santo. Le prime soste della reliquia saranno a Cagliari, nell’ospedale Businco e nell’ospedale Brotzu. Poi proseguirà il pellegrinaggio. La prima sosta a Laconi dove arriverà il 22 agosto e vi resterà dieci giorni.

 

RECITAL DI MUSICA CLASSICA

13 agosto 01. Come parte del programma organizzato in occasione del 3° centenario della nascita di Sant’Ignazio, ieri sera domenica, nel Centro culturale si è tenuto il recital del pianista Giuseppe Vasapolli, un musicista giovane ma molto bravo. Fin da giovanissimo ha intrapreso lo studio del pianoforte sotto la guida del maestro La Marca. Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali e si è esibito già in varie città italiane. A Laconi ha eseguito musiche di Bach, Beethoven e Brahms, applaudito da un folto pubblico. Il recital è stato organizzato dall’Amministrazione comunale e dalla Parrocchia del paese.

 

MOSTRA MERCATO DELL’ARTIGIANATO LOCALE

13 agosto ’01. Il 18 agosto si inaugurerà la terza edizione della Mostra mercato dell’artigianato locale che resterà aperta fino al 2 settembre. Sarà una occasione per presentare i sapienti lavori fatti dagli artigiani del paese. Verranno esposti i lavori delle donne eseguiti al telaio: arazzi, tappeti, e coperte, tessuti con lana, cotone e lino, i meravigliosi ricami su lenzuola e asciugamani e tende e lavori all’uncinetto con i motivi decorativi che richiamano alla terra. Gli stessi motivi li ripropongono i lavori eseguiti dagli uomini nella lavorazione del legno di ginepro, ciliegio, castagno e noce. Verranno esposti i lavori realizzati con materiali naturali, come l’olmo, la canna, l’asfodelo che vengono prima trattati e poi intrecciati per creare "scarteddos", "pallinis" e "crobes", oggetti molto utili per uso quotidiano nelle case sarde. Non mancheranno gli oggetti creati con la pelle e il sughero. La Mostra mercato è un iniziativa dell’Amministrazione comunale per incoraggiare e valorizzare l’artigianato locale, ma è anche un dolce ritorno al passato di questo paese.

 

FIERA DEL CAVALLO

26 giugno ’01. Si è tenuta a Santa Sofia, in località "Su Dominariu", l’undicesima edizione della Mostra mercato del cavallo. Sono sfilati, per la gioia degli appassionati, ben 70 esemplari di anglo arabi sardi. Sono stati premiati alcuni proprietari. Il primo premio per i cavalli del Sarcidano è stato vinto da Vincenzo Piseddu. Invece per i cavalli comuni il primo a qualificarsi è stato il cavallo di proprietà di Efisio Dessì di Laconi. Molto applaudite le esibizioni del fantino Daniele Montirossi e del fantino di casa Mauro Secci che con la sua cavalla Fabieca ha eseguito delle autentiche piroette, applaudito dal numeroso pubblico presente. Nei tre giorni della festa abbiamo potuto ammirare gli stand dei prodotti locali, la mostra degli attrezzi e macchine agricole dell’800/900 con in primo piano una trebbia da aia.

 

GEMELLAGGIO CON LA PALESTINA

20 giugno ’01. L’incontro con la delegazione palestinese è avvenuto in chiesa con la celebrazione della messa. Poi in piazza si è riunito il Consiglio comunale, convocato per la cerimonia del gemellaggio tra il comune di Laconi e il comune palestinese Beit Sahour. Uno dei motivi di questo incontro, spiega il sindaco Paolo Pisu, è sicuramente la religiosità dei due paesi. Infatti, Beit Sahour è il luogo dove l’angelo annunciò ai pastori la nascita di Gesù; Laconi invece diede i natali al venerato Sant’Ignazio. Questo incontro può dare anche, se pur piccolo, un contributo per instaurare la pace in questo martoriato paese. Si è annunciato un aiuto concreto ai bambini palestinesi con una raccolta di giocattoli e materiale utile per il loro studi. L’Amministrazione comunale proporrà anche ad altri comuni una raccolta di fondi per la costruzione di una scuola a Beit Sahour.La delegazione palestinese era rappresentata dal sindaco di Beit Sahour, Fuat-Kokali, dal primo segretario della delegazione generale palestinese in Italia Alì Raschit, dal padre francescano Ipraim-Faltas. Il sindaco Fuat- Kokali ha detto che questa collaborazione ha molta importanza per la sua comunità, la quale sta vivendo dei momenti terribili a causa del conflitto con lo stato di Israele. I bombardamenti israeliani hanno distrutto molte case provocando povertà e terrore tra la sua gente. In serata, in onore degli ospiti si sono esibiti il gruppo folk e il coro polifonico di Laconi accompagnati da un folto pubblico.

 

RISANAMENTO IDROGEOLOGICO

18 giugno ’01. L’assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Sardegna ha previsto un finanziamento di quattordici miliardi e seicento milioni per risanare la rete idrica e fognaria di Laconi e delle sue borgate, Crastu e Santa Sofia. Una parte dei soldi verrà utilizzata per la raccolta delle acque piovane, che verranno scaricate nei piccoli fiumi "Pitziedda, Bauli Onu , Pardu Longu e Riu Muru; un problema assai grave questo delle acque piovane che trasportano detriti, ostruiscono le strade e persino allagamenti in certi rioni del paese, mettendo a rischio anche l’incolumità della popolazione se si verificano forti precipitazioni. Un attenzione particolare verrà data alle borgate: Crastu ha un urgente bisogno di completare la rete idrica e fognaria, mentre Santa Sofia reclama la rete fognaria fino ad oggi inesistente. È previsto che a Santa Sofia la rete fognaria arrivi fino all’area di "Su Dominariu", una zona molto ricca di vegetazione e acqua, dove l’amministrazione comunale, con la partecipazione di due imprenditori privati, vuole realizzare un albergo ristorante e costruire all’esterno bungalow e piscina per ricevere i turisti.

 

SQUADRE PRONTE PER COMBATTERE GLI INCENDI

11 giugno ’01. Le amministrazioni comunali del Sarcidano si preparano anche quest’anno ad affrontare la piaga degli incendi. Per il momento in questo territorio non se ne sono verificati, ma non per questo bisogna abbassare la guardia. Nel territorio di Laconi opera già da qualche anno la Protezione civile che con i suoi mezzi cerca di far fronte agli incendi, non solo nel suo territorio ma si prodiga ad aiutare anche i paesi vicini.

 

NUOVA GESTIONE PER IL PARCO AYMERYCH

6 giugno ’01. L’Azienda Foreste Demaniali, proprietaria del parco Aymerich, ha affidato al Comune di Laconi la gestione di tre ettari di terreno; cioè, la parte dove è situato il castello cinquecentesco. Il Comune ha dei grandi progetti in proposito. Vorrebbe che in questa area nascessero dei servizi più idonei per i turisti che ogni anno visitano il Parco: un chiosco per il ristoro, un altro per il servizio informazioni, il ritrovo delle guide turistiche e gli indispensabili servizi igienici; tutto questo accessoriato da corrente elettrica, acqua e fognature. La gestione verrebbe affidata ad una società giovanile del paese. L’amministrazione comunale si impegnerà ad illuminare in modo adeguato il castello feudale per poter organizzare intorno ai suoi ruderi concerti di musica classica e altre attività ricreative. Cosi il Parco Aymerich si confermerà ancora di più come un’oasi turistica da ammirare.

 

A SCUOLA DI TEATRO

6 giugno ’01. Gli scolari delle scuole materne, elementari e medie si sono esibiti nell’aula della scuola per una rappresentazione teatrale seguiti dal regista Bruno Venturi, già noto per le sue straordinarie rappresentazioni a cui abbiamo assistito anche negli anni scorsi. Venturi è riuscito con pazienza e lavoro a coinvolgere tanti bambini e ragazzi a recitare in commedie divertenti, ma anche drammatiche: L’Iliade, la Bella e la Bestia, Dylan Dog e moltissime altre, sempre contornate da bellissime scenografie.I temi rappresentati quest’anno sono stati: La Rivoluzione Francese e la vita di Sant’Ignazio. Da elogiare sono senz’altro i piccoli attori che con tanto studio e buona volontà sono riusciti ad impressionare per tanta bravura il numeroso pubblico che ha assistito.

 

CANTI E BALLI A SCUOLA

3 giugno ’01. Ha avuto inizio alle ore 21, il saggio musicale degli alunni delle scuole di Laconi, preceduti dall’illustrazione dei progetti e obiettivi che la scuola propone per arricchire l’educazione e la cultura dei ragazzi. Per iniziare gli alunni si sono esibiti in coro proponendo alcuni canti diretti dal maestro Lorenzo Zonca. Hanno fatto seguito altri gruppi esibendosi in balli tradizionali sardi. Alla fine, i bambini hanno concluso la serata con i divertentissimi balli latino-americani divertendo e coinvolgendo molte persone del pubblico.

 

INCONTRO CON BIOGRAFO DI SANT’IGNAZIO

27 maggio ’01. Un folto pubblico ha assistito attento ed entusiasta all’incontro che si è svolto nel Centro Culturale con Sergio Onnis, uno dei più noti biografi della vita di Sant’Ignazio da Laconi. L’evento è stato organizzato dalla Parrocchia SS. Ambrogio e Ignazio da Laconi e il Comune di Laconi. L’incontro fa parte del programma di eventi organizzato a Laconi durante tutto l’anno 2001 in occasione del  300° anniversario della nascita di Sant' Ignazio.

 

FIERA AGRICOLA E DEL BESTIAME A SANTA SOFIA

22 maggio ’01. È stata inaugurata sabato 19 maggio a Santa Sofia la Fiera agricola e del bestiame. Rimasta aperta per tre giorni ha mostrato tutte le produzioni agricole e artigianali del paese, compresa un’interessante esposizione di colture biologiche. Domenica 20, come parte della Fiera, si è svolto il Quinto concorso enologico dei vini del Sarcidano. Si è tenuta inoltre una tavola rotonda su diversi temi: "Zootecnia, agriturismo e produzioni biologiche nel Sarcidano", "Malattie del bestiame" e "Produzioni biologiche del Sarcidano". L’evento è stato organizzato dall’Ersat di Laconi, dal Comune di Laconi e dalla Pro Loco di Serri.

 

IL COMUNE OFFRE NUOVI SERVIZI AI CITTADINI

17 maggio ’01. Nuovi servizi si aggiungono all’offerta del Comune di Laconi. Infatti, è stato ampliato lo spazio e l’arredamento del Centro Culturale che consentirà alla biblioteca di aumentare notevolmente la dotazione libraria e creare l’angolo organizzato delle riviste-emeroteca. Un altro nuovo servizio è lo sportello Informacittadino, unica realtà in tutto il territorio, che spesso consente ai residenti nel Sarcidano di trovare risposte a problematiche burocratiche e amministrative che avrebbero altrimenti richiesto un viaggio negli uffici di Cagliari o Nuoro. Ottimi risultati stà ottenendo la scuola civica di musica che quest’anno ha avuto ben 210 iscrizioni.

 

UN GEMELLAGGIO NELLA FEDE

13 maggio ’01. La fede ha unito due paesi: Laconi e Gesturi, dove sono nati i due frati cappuccini più amati e venerati nella Sardegna, Sant’Ignazio da Laconi, nato 300 anni fa e fatto santo nel 1951, e il beato fra Nicola di Gesturi. Questa volta, il "gemellaggio" si è concretizzato in forma di un incontro musicale: la riuscitissima rassegna dei canti popolari della Sardegna elaborati in polifonia Boghes Armoniosas, svoltosi nel Centro Culturale di Laconi ieri 12 maggio alle 21,30. All’incontro hanno partecipato il Coro Polifonico di Gesturi ed il Coro Polifonico di Laconi, che hanno interpretato, in elaborazione polifonica, canti tradizionali come Ninna Nanna de Anton Istene, Mutu de Orgosolo, Non potho reposare, Nannedu Meu, Sas cosas bellas de su coro, O Babbo nostru, Sas campanas de Santa Maria, fra gli altri. Ivo Porcu, assessore comunale di Laconi, ha detto: "La manifestazione musicale rientra in un preciso programma di interscambio tra il nostro comune e Gesturi, già avviato con grande successo lo scorso anno, con l’arrivo della statua del beato Nicola nel nostro paese.

 

CONFERENZA SU SANT’IGNAZIO

6 maggio ‘01. Nell’ambito delle celebrazioni per il terzo centenario della nascita di Sant’Ignazio da Laconi, ieri Padre Marco Loche, dei Cappuccini di Cagliari, ha tenuto, nel Centro culturale, una conferenza sul tema "Roma, 21 Ottobre 1951: Fra Ignazio da Laconi è proclamato Santo".

 

GEMELLAGIO LACONI-BETH SAHUR, BETLEMME

16 aprile ’01. Nel giorno di Pasqua è stato siglato il gemellaggio fra il Comune di Laconi e quello di Beth Sahur, un povero villaggio di pastori a sette chilometri di Betlemme, nelle cui grotte nacque Gesù Cristo. Questo gemellaggio ha trovato il pieno consenso della Comunità dei Cappuccini di Laconi e del vescovo di Oristano, monsignor Pier Giuliano Tiddia. Fucio Kokoli, sindaco di Beth Sahur, ha detto: "La notizia del gemellaggio con Laconi ha trovato grande accoglienza tra la nostra gente e favorevoli consensi delle autorità palestinesi politiche e religiose". Il primo cittadino di Beth Sahur sarà presto a Laconi "per ringraziare il sindaco e l’intera popolazione per quanto è già stato fatto per il nostro popolo". Paolo Pisu, sindaco di Laconi, ha spiegato: "Con questo gemellagio vogliamo esprimere la nostra viva solidarietà con queste popolazioni povere a martoriate da un conflitto senza fine con Israele. È nostra intenzione farci promotori di un progetto che veda coinvolti almeno altri venti comuni sardi per realizzare a Beth Sahur un’opera d’interesse sociale, sia essa una scuola, un asilo o un centro de aggregazione".

 

LAVORI IN CORSO

L’amministrazione comunale informe dei diversi cantieri aperti nel comune di Laconi:

Mattatoio. Sono stati appaltati i lavori del quarto lotto, per una spesa complessiva di 400 milioni, in modo di completare la linea di macellazione bovini e realizzare la linea suini-ovini. Inoltre è stato già ottenuto un ulteriore finanziamento di 400 milioni per la realizzazione del quinto lotto.

Casa di Riposo. È stato dato il via ai lavori di ristrutturazione della casa per anziani. La parte centrale del progetto (400 milioni) riguarda il rifacimento e la coibentazione del tetto e degli intonaci esterni per eliminare le infiltrazioni d’acqua. Altri lavori riguardano la cucina, la terrazza, la stireria e la camera mortuaria.

Impianti sportivi. Sono in corso i lavori del 2º lotto per complessivi 400 milioni. Si stanno realizzando le seguenti opere: illuminazione dei campi di calcio e calcetto, tribune dei campi (tennis, calcio e calcetto), campo di calcetto in erba sintetica, recinzione degli impianti sportivi, chiosco bar.

Scuole elementare e materne. Con un progetto finanziato con 66 milioni, si sta procedendo all’adeguamento alle norme dei percorsi esterni di collegamento fra i vari edifici presenti nell’area scolastica.

Nuova condotta idrica. È stata ultimata la condotta idrica non potabile proveniente del laghetto di Su Acili per un importo di 54 milioni.

 

UN LACONESE, PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA,  HA SOSTENUTO UNA PROVA ORALE IN SARDO

18 marzo ’01. Giuseppe Gorongiu, 35 anni, laconese, prima della prova orale del corso-concorso del Comune di Quartu per l’ottenimento della qualifica di dirigente del dodicesimo settore (cultura, beni culturali, informazione, politiche giovanile e lingua sarda) ha chiesto e attenuto di essere valutato da una commissione speciale: voleva essere interrogato e rispondere in sardo. Questo è possibile d’accordo con la legge 482 del 1999. Corongiu, che ha superato l’esame col massimo dei voti, è laureato in lettere moderne, giornalista professionista, lavora a Quartu dal 1993, prima come consulente dell’immagine del primo cittadino, poi come capo ufficio stampa e infine come stretto collaboratore di Elena Ledda nell’assessorato alla lingua e cultura sarda. Sua la controproposta di lingua unificata campidanese-logudorese in risposta al progetto elaborato dalla commissione di esperti dell’assessorato regionale alla Cultura.

 

ACCORDO TRA I COMUNI "NOBILI"

10 marzo ’01. L’accordo riguarda tre marchesati, due contee, un ducato e un viscontato, o almeno, quello che sono stati nel passato sette comuni sardi: Laconi, Mandas, Villasor, Orani, Cuglieri, Sedilo e Sanluri. In un documento firmato ieri nell’aula magna dell’Università di Cagliari si è data la luce verde al nuovo progetto. Si tratta di un accordo di programma che segna la nascita di un tour virtuale fra le città sarde che, tra il quindicesimo e il diciottesimo secolo, sono state il fulcro della vita feudale, ospitando la sede dei grandi domini signorili. Al progetto sono stati chiamati a collaborare anche i membri della Soprintendenza e dell’Università: Giovanni Murgia, storico e docente dell'Ateneo cagliaritano, Alfredo Ingegno e Antonio Cardidu, esperti nella conservazione di beni culturali. Come si è spiegato, il progetto si chiama Titulos e l’idea è quella di sfruttare il prestigio (e le memorie storiche) che accomuna questi piccoli centri dove un tempo le grandi famiglie hanno scritto la storia sarda.

 

INAUGURATA LA MOSTRA FOTOGRAFICA STORICO-ARCHEOLOGICA

29 dicembre ’00. Ieri è stata inaugurata a Laconi la mostra itinerante "L’eredità del Sarcidano e della Barbagia di Seulo". La mostra rimarrà aperta fino al 17 gennaio nei saloni del Centro Culturale. Il percorso fotografico inizia nel 350 avanti Cristo e racconta la storia degli scavi archeologici in questi territori e la frequentazione dei luoghi a partire del neolitico. La mostra è stata realizzata dalla Comunità montana e dalla Soprintendenza ai beni archeologici per le provincie di Sassari e Nuoro. Attraverso le immagini si può compiere un viaggio a ritroso nel tempo, comprendere meglio tempi e luoghi occupati dalla civiltà della pietra lavorata e del rame, del bronzo, del ferro, partendo dalle officine litiche, dalle domus de janas, dai menhir e dai nuraghi. Paolo Addis, presidente della Comunità montana ha detto: "Abbiamo investito novanta milioni in questa operazione e lo scopo è quello di pubblicizzare monumenti, oggetti d’uso quotidiano, armi, storie delle genti che hanno abitato prima di noi questi territori. Ignazio Coni, assessore della Comunità, ha detto: "La valorizzazione dei beni archeologici è un utile strumento per lo sviluppo economico e sociale delle zone interne".

 

SOLENNE INAUGURAZIONE DELLA NUOVA CASERMA DI LACONI

 

17 dicembre ‘00. Attesa da oltre 25 anni, ieri, durante un’affollata cerimonia è stata inaugurata la nuova sede per la Polizia di Stato. Durante l’inaugurazione hanno parlato il deputato Tonino Loddo, che ha portato il saluto del Ministro degli Interni Enzo Bianco; il generale Gianni Ronca, responsabile della Polizia in Sardegna; il prefetto Fabio Costantini, anche a nome del questore di Nuoro Giacomo Diana; il colonnello Giuliano Fele, responsabile provinciale della Polizia, che ha portato il saluto delle forze dell’ordine alla popolazione; il sindaco di Laconi, Paolo Pisu; ed il parroco di Laconi, padre Giovanni Zedda. Il generale Roca ha detto: "La caserma della Polizia a Laconi ha una valenza storica, c’è da circa 35 anni e riveste un ruolo strategico perché Laconi è la via d’acceso alla Barbagia per chi viene da Cagliari e per il Campidano per chi arriva dal Nuorese". Il sindaco Pisu, nel suo intervento ha detto: "Dopo aver capito che la Regione, lo Stato, la Cassa depositi e prestiti non finanziavano queste opere, abbiamo studiato la possibilità di contrarre un mutuo, ma anche questa strada si è dimostrata impraticabile. Allora abbiamo contattato i privati, abbiamo lavorato con la società privata SEA grazie al sistema del projet financing, che poi ha trovato accoglienza nelle nuove disposizioni della stessa Casa e nella legge Bassanini." Padre Giovanni Zedda ha invitato i cittadini a collaborare e capire il difficile lavoro degli agenti dell’ordine. La caserma è stata considerata tra le più belle finora realizzate nell’Isola, oltre ad essere spaziosa e funzionale. La spesa sostenuta per la sua realizzazione è stata di circa un miliardo di lire.

   C.so Gramsci, 36/38 - Tel. 0782/869008 - LACONI

 

 

TURISMO E SPOPOLAMENTO

 

24 novembre ‘00. Undici allievi del corso per promotori turistici, organizzato dall’ente di formazione IAL-SARDEGNA, hanno presentarono ieri i dettagli di un progetto elaborato da loro col titolo: "Il turismo per fermare l’emorragia dello spopolamento e il regresso economico del territorio". Lo studio è stato presentato durante i lavori di un convegno che si è tenuto nei locali del Centro culturale. Il progetto mette in luce le reali possibilità esistenti nel territorio per richiamare turisti interessati all’ambiente e alle bellezze archeologiche.

 

 

 

LA SCUOLA NEL BOSCO

 

23 novembre ’00. I bambini della scuola materna partecipano al "Progetto Ambiente", una rivisitazione ed un approfondimento di quanto è stato fatto l’anno scorso. Per due settimane, gli alunni della materna si sono recati sull’altipiano di Santa Sofia, distante dieci chilometri dal paese, dove hanno studiato sul campo, piante e botanica, animali e scienze, suoni della natura e musica, movimento degli esseri viventi e del corpo umano. Le insegnanti della scuola materna affermano: "Alcuni bambini non hanno mai visto o toccato un animale e ne riconoscono le fattezze se lo hanno già visto in televisione; si tratta, allora, di recuperare quel rapporto con la natura che si sta smarrendo."

 

 

 

TEATRO ETNICO AL CENTRO CULTURALE

 

18 novembre ’00. Ieri, alle 18, è andata in scena nel Centro culturale di Laconi, con ingresso libero, lo spettacolo "Gratzia Celesti", della compagnia Teatro Olata. La commedia bilingue, in sardo campidanese e in italiano, con testi e regia di Salvatore Vargiu, fa parte del calendario del Circuito regionale teatro etnico promosso dall’Arte in collaborazione con gli assessorati regionali Cultura e Spettacolo e il Comune di Laconi.

 

 

SEMINARIO INTERNAZIONALE SULLO SVILUPPO RURALE

5 novembre ’00. Si è concluso a Laconi il seminario internazionale "Guardare l’Europa attraverso gli occhi di ciascuno" organizzato dal Forum Synergies.  Oltre settanta esperti, provenienti dalla Grecia, Austria, Scozia, Germania, Francia, Portogallo, Spagna, Estonia, Bulgaria e Ungheria, hanno preso parte al workshop, che è stato un vero faccia a faccia sulle opportunità ed esperienze concrete di sviluppo rurale realizzate nell’ultimo decennio fra rappresentanti di comunità locali, di associazioni culturale e di volontariato, di imprese economiche e di giornalisti. Il seminario di tre giorni si è incentrato sulle nuove forme di comunicazione, sulla definizione dei progetti di relazione e parternariato per lo sviluppo sostenibile nel mondo rurale. Dall’incontro sono emersi importanti spunti di riflessione sul futuro sostenibile del mondo rurale a finché queste regioni vengano considerate non luoghi dai quali fuggire, ma occasioni di crescita.

 

 

 

 







Se sei residente a Laconi o emigrato laconese, SARDIMONDO ti offre l'opportunità di pubblicare sul nostro sito Internet, senza costo, le notizie personali e familiari che vuoi condividere con amici, parenti e conoscenti in tutto il mondo, come nascite, battesimi, nozze, anniversari, saluti, auguri, lutti... Fateci pervenire i vostri messaggi (anche con una fotografia!) a:

SARDIMONDO
Sintel snc
Corso Garibaldi, 17, 08034 LACONI (NU)
Fax: 0782-869026
E-mail: sintel@tiscalinet.it